Un rifugio di design in alta quota

img1_RIFUGIO

Il corso di progettazione architettonica presso la Harvard Graduate School of Design guidato da Rok Oman e Spela Videcnik dagli AIF, ha sviluppato il progetto per il rifugio alpino sulla montagna Skuta in Slovenia.

Gli architetti del AIF e gli ingegneri del AKT II (Hanif Kara, Edward Wilkes) con un team di tredici studenti, si sono cimentati nella progettazione di un rifugio dal carattere innovativo e pratico che soddisfasse tutte le esigenze climatiche e morfologiche estreme tipiche di una località di montagna alpina. Una vera e propria sfida di design per architetti, ingegneri e progettisti.

Tra le dodici proposte presentate è stato scelto quello degli studenti Frederick Kim, Katie MacDonald ed Erin Pellegrino. Dopo la conclusione del semestre accademico, architetti AIF e ingegneri strutturali AKT II hanno continuato a sviluppare e adattare il modulo per il sito, rispondendo ad ulteriori input provenienti da alpinisti e altri ingegneri.

Il progetto è costituito da tre moduli, in parte per consentire il trasporto e in parte per dividere lo spazio interno. La prima è dedicata all’ingresso, al stoccaggio e ad un piccolo spazio per la preparazione del cibo. Il secondo offre spazio per riposare e socializzare, mentre il terzo dispone di una zona notte con letti a castello. Finestre su entrambe le estremità offrono una splendida vista panoramica sulla valle e sulla Skuta Mountain.

Il bivacco rappresenta una necessità umana fondamentale di riparo in situazioni estreme. E ‘un simbolo di rifugio. La forma esteriore e la scelta dei materiali sono stati fatti per rispondere alle condizioni di montagna estreme, e anche per fornire vista sul grande paesaggio. Pur essendo il bivacco di piccole dimensioni, il progetto ha richiesto un grande sforzo di pianificazione da oltre sessanta partecipanti che erano per lo più volontari e sponsor.

La speranza è che il bivacco servirà da rifugio per tutti gli alpinisti che ne avranno bisogno, e che attraverso la loro cura e attenzione continuerà a farlo per molti anni.

 

Giusto un’idea da Domus Web